29 ottobre – Raila Odinga

odinga
foto via Kenya-today.com

«Se un regime è antidemocratico, se un regime non è legittimato, il popolo è giustificato a resistergli»

Raila Odinga, politico kenyota e leader dell’opposizione, ha detto che il Kenya è in «grave pericolo» e che spera che nuove elezioni abbiano luogo entro i prossimi 90 giorni.

Nel corso di un’intervista concessa ad Associated Press, Odinga ha affermato che il presidente del Kenya, Uhuru Kenyatta, starebbe cercando di «distruggere le restanti istituzioni di governance nel nostro paese», tra cui la Corte Suprema del Kenya.

Kenyatta, già eletto presidente nel 2013, era stato rieletto per un secondo mandato alle elezioni generali dello scorso agosto. Odinga, principale sfidante di Kenyatta, aveva però contestato l’esito del voto di fronte alla Corte Suprema, denunciandone il sabotaggio da parte di hacker che avrebbero avuto accesso ai server della commissione elettorale. Il primo settembre la Corte Suprema aveva accolto il ricorso di Odinga, annullando le elezioni di agosto e chiedendo che venissero ripetute a breve scadenza.

Nuove elezioni si sono quindi tenute giovedì scorso, in un clima caratterizzato da proteste e scontri violenti tra polizia e sostenitori dell’opposizione. Durante gli scontri avrebbero perso la vita almeno otto persone. Odinga aveva boicottato le nuove elezioni per l’assenza di una vera competizione tra candidati («Si è trattato in sostanza di Uhuru contro Uhuru»), invitando i propri sostenitori a fare lo stesso.

Ad Associated Press Odinga si è detto disponibile al dialogo con Kenyatta, per giungere a quelle che ha definito elezioni libere e corrette. «Non siamo contrari a confrontarci, ma la nostra agenda rimane sempre la stessa: creare le condizioni perché nuove elezioni si possano tenere entro i prossimi 90 giorni» ha detto Odinga.

Odinga ha quindi affermato che per raggiungere questo obiettivo il suo movimento, National Resistance Movement, organizzerà scioperi, boicottaggi e manifestazioni pacifiche. «Tutti questi strumenti servono al popolo per mettere pressione al governo» ha spiegato. «La nostra costituzione ci consente di farlo … Se un regime è antidemocratico, se un regime non è legittimato, il popolo è giustificato a resistergli».

1 settembre – Uhuru Kenyatta

kenyatta
foto via Bbc.com

«La corte ha preso la sua decisione. La rispettiamo. Non la condividiamo. E ancora, dico pace… pace, pace, pace. È questa l’essenza della democrazia»

Uhuru Kenyatta

La corte suprema del Kenya ha invalidato la vittoria di Uhuru Kenyatta alle elezioni presidenziali dello scorso mese e ha stabilito che entro 60 giorni dovranno tenersi nuove votazioni. I sei giudici della corte hanno votato per 4 a 2 a favore della petizione presentata dal leader dell’opposizione Raila Odinga, che denunciava manipolazioni del voto elettronico a favore di Kanyatta, presidente uscente dello Stato africano. Kenyatta era stato dichiarato vincitore delle ultime elezioni con il 54% delle preferenze.

I giudici hanno sancito che la commissione elettorale «non è riuscita, ha trascurato o si è rifiutata di condurre le elezioni presidenziali in maniera coerente coi dettami della costituzione». In un discorso televisivo, Kenyatta, pur affermando di non condividere la decisione della corte («sei persone hanno deciso di andare contro la volontà popolare»), ha detto che la rispetterà, lanciando un appello per la pace nel paese. «La corte ha preso la sua decisione. La rispettiamo. Non la condividiamo. E ancora, dico pace… pace, pace, pace. È questa l’essenza della democrazia», ha affermato il presidente uscente.